Star Trek: Discovery, Anson Mount si unisce alla Federazione

Con un Tweet sul profilo ufficiale, il celebre Mount annuncia il realizzarsi di un sogno: con la seconda stagione, torna il capitano Pike.

94
star trek discovery su netflix

“Si, mi sono ufficialmente unito alla Flotta Stellare” ed è così che Anson Mount, celebre star di Inhumans, twitta confermando a tutti la sua nuova natura.

Anson Mount sarà, infatti, il nuovo Christopher Pike dell’ attesissima seconda stagione di Star Trek: Discovery, serie di fantascienza targata CBS All Access e Netflix.

Interpretare il ruolo del capitano della USS Enterprise era effettivamente un sogno per Anson; sogno, che per sua stessa ammissione, coltivava sin dalla più tenera età.

“Non potrei essere più entusiasta” sostiene Mount, “è un sogno che possiedo da quando, ad otto anni, iniziai a seguire la serie su di un canale locale del Tennesse”.

La storia di Christopher Pike è lunga, prima Jeffrey Hunter, poi Sean Kenney, e ancora Bruce Greenwood, insomma, la forte eredità è palese per l’attore che ha recentemente interpretato il ruolo di Black Bolt.

Il capitano Pike era capitano ancor prima di James T. Kirk, un ruolo fondamentale, dunque, per una stagione fondamentale che vedrà l’inizio delle riprese, oltre che la realizzazione di un sogno, a Toronto per la fine del mese di aprile.

La serie, di cui la prima stagione è già disponibile sulla piattaforma di streaming Netflix e che ha luogo dieci anni prima della serie originale, sarà probabilmente composta da tredici episodi, quel che non è chiaro, invece, è il numero di episodi nel quale sarà effettivamente presente il nuovo capitano.

Notevoli rumors e forse anche la possenza del calibro di un attore come Mount suggeriscono, tuttavia, che il ruolo potrebbe essere più ricorrente di quanto ci si possa credere.

Lo stesso produttore, Aaron Harberts, non ha fatto mistero della sua volontà di riscoprire ed approfondire il ruolo del capitano predecessore di Kirk. Un personaggio chiave, a detta di Harberts, per il quale Anson Mount sostiene di voler essere all’altezza nonostante la forte emozione.

La seconda stagione, tra l’altro, dovrebbe garantire un valido approfondimento della storia del capitano; considerata la natura stessa della serie che vedrà, per la prima volta, il tema della scienza, anche contro la fede, questione principale rispetto alla guerra e all’azione, il tutto si rivela estremamente plausibile.

Anson Mount, arruolato, dunque, nella Federazione Star Trek, vestirà i panni di un personaggio estremamente caro ai fan della serie primordiale, e a questo punto la domanda sorge spontanea per i più fedeli e nostaligici “telespettatori”: “tornerà anche Spock?”.

Il vulcaniano, in passato intepretato dall’indimenticabile Leonard Nimoy, potrebbe, in effetti, essere coinvolto. Lo stesso Aaron Harberts avrebbe discusso circa la plausibilità di tale ipotesi, tuttavia, l’alto livello di segretezza di tale informazione lascia ben poco intendere.

Non resta che godersi l’attesa, anche se per ora, in effetti, converrebbe porsi poche domande e godere dell’annuncio a sorpresa, pubblicato da Anons Mount direttamente sul suo profilo Twitter, che segna l’ufficialità di una notizia che decreta, finalmente, la fine dei rumors: il rientro di un personaggio mitologico di Star Trek e della sua ripresa al comando della Discovery è felicemente assicurato.