Apk android: cosa sono e come installarli sul proprio dispositivo

155

Gli Android Application Package, meglio conosciuti come .APK, sono dei pacchetti, appunto, che permettono agli utenti di scaricare i file necessari per installare le applicazioni Android senza dover accedere a Google Play Store.

Questi pacchetti sono molto simili a quelli utilizzati da Windows o Mac che utilizzano, rispettivamente, estensioni .exe e .app.

La differenza che intercorre tra un file .AKP e l’applicazione scaricata direttamente dallo store di Google, sta nel fatto che nel primo caso bisognerà avviare il processo d’installazione in modo manuale, mentre nel secondo caso basterà cliccare sull’opzione “scarica” e Google Play farà tutto automaticamente.

Bisogna dire, però, che i file .AKP possono essere eliminati dal dispositivo una volta scaricata l’applicazione sul proprio smartphone o tablet (e liberare un po’ di spazio nella memoria, interna o esterna che sia).

google play store installazione

Naturalmente la scelta di installare un’applicazione in modo manuale anziché automatico, come accade sullo store di Google, ha dei vantaggi (e non soltanto di memoria).

Il più importante è sicuramente la compatibilità; spesso, infatti, alcune applicazioni presenti sullo store risultano essere “incompatibili” per determinati device dei dispositivi e questo non permetterebbe agli utenti, in possesso di quello smartphone o quel tablet, di poter scaricare l’App desiderata ma con il file di .AKP, invece, questa incompatibilità può essere bypassata.

Il vantaggio di scaricare un file apk ed installarlo sul telefonino

Un altro vantaggio di .AKP può essere legato a quelle applicazioni che non sono disponibili su Google Play Store perché gli autori, delle stesse, decidono di non concedere il download della propria creatura allo store; in questo caso, proprio grazie ai file .AKP l’utente potrà scaricare il download del file sul web, soprattutto su alcuni siti (come APKMirror o XDA).

Un ultimo vantaggio è quello legato al tempo; spesso gli utenti, leggendo su Internet news riguardanti prossimi aggiornamenti delle diverse applicazioni, decidono di non voler aspettare che lo store di Google aggiorni automaticamente l’applicazione ma vogliono farlo quando ritenuto più opportuno e con il file .AKP questo è possibile.

Come installare un file .apk sul proprio telefonino ?

È giusto comunque precisare che NON bisogna utilizzare i file .AKP per azioni “pirata” (soprattutto per quelle applicazioni che su Google Play Store risultano essere a pagamento) perché si rischia di andare incontro a pesanti conseguenze, considerando che si tratta di azioni illegali.

È consigliabile, inoltre, scaricare file .AKP soltanto su siti attendibili per evitare di andare incontro a malware che potrebbero danneggiare gravemente il proprio dispositivo mobile.

android impostazioni sicurezzaUna volta compreso cosa sia il pacchetto di file .AKP e quali sono i vantaggi del suo utilizzo è giusto capire, nel dettaglio, come è possibile scaricarlo sul proprio dispositivo.

Innanzitutto bisogna modificare un’opzione del proprio smartphone o tablet e cioè “il blocco automatico per installazioni provenienti da fonti sconosciute” (dal menù Impostazioni, sezione Privacy, Sicurezza o Protezione).

 

Questo perché il sistema operativo Android, per questioni legate alla sicurezza dei dispositivi, tende a bloccare immediatamente il download di applicazioni se provenienti da fonti che il sistema non riconosce; disabilitando questa funzione, invece, l’utente potrà scaricare il file .AKP sul proprio dispositivo e procedere con l’installazione dell’applicazione.

Una volta accertato che il blocco è disabilitato si può procedere con la fase successiva, per rendere l’App funzionante sul proprio dispositivo; innanzitutto il download del file .AKP si può scaricare sia direttamente sullo smartphone o sul tablet o anche dal PC per poi trasferirlo sul dispositivo in un secondo momento.

L’unica differenza, tra lo scaricare il download direttamente sul dispositivo o dal PC, sta nella cartella in cui si troverà il file .AKP; generalmente, nel primo caso, si potrà trovare nella cartella “Download” mentre, nel secondo caso, potrebbe trovarsi in altre cartelle dell’ “Archivio”; qualora non si trovasse esistono i file manager di Android che “localizzano” i file ricercati.

Una volta trovato il file si può procedere con l’installazione dell’applicazione; la prima richiesta fatta sarà quella di installare o annullare la procedura; una volta selezionato “installa” il dispositivo procederà automaticamente. Terminato il processo si potrà chiudere la schermata di installazione o aprire immediatamente l’applicazione, per poterla iniziare ad usare.

Terminato il tutto apparirà l’icona dell’applicazione sulla home del dispositivo mobile, la Homescreen, e si potrà utilizzare come una normalissima App scaricata da Google Play Store; qualora, invece, si decida di eliminarla basterà semplicemente andare nelle Impostazioni e disinstallare l’applicazione.

Conclusioni

Sicuramente il file .AKP si dimostra una vera, e ottima, alternativa al download base delle applicazioni presenti su Google Play Store, sia per risolvere i vari problemi che si possono presentare, come visto precedentemente, sia per l’estrema semplicità d’installazione ed, eventuale, disinstallazione futura.

Non resta quindi che consigliare cautela e attenzione, nello scegliere i siti dove scaricare il pacchetto, e poi buon divertimento!