Telecamere “finalmente” obbligatorie negli asili e case di cura

52
sistemi di videosorveglianza negli asili e nelle case di cura
sistemi di videosorveglianza negli asili e nelle case di cura

In tutti gli asili (pubblici e paritari) e nelle case di cura arrivano le telecamere di videosorveglianza. Un decreto dell’emendamento Sblocca cantieri approvato in commissione al Senato per garantire la sicurezza dei cittadini

Maggior sicurezza negli asili e nelle strutture di assistenza e di cura per anziani e disabili: questa è la promessa mantenuta dal Governo.

La novità viene introdotta grazie al Decreto Sblocca cantieri approvato in Commissione Lavori pubblici e Ambiente al Senato. La proposta è stata firmata dai senatori di Lega, MoVimento 5 Stelle, Partito Democratico e Forza Italia, tutti uniti sul fronte comune della sicurezza per i più piccoli e indifesi.

Decreto Sblocca cantieri: pronti i finanziamenti per far partire il progetto

L’installazione di videocamere a circuito chiuso è finanziata dal fondo predisposto dall’emendamento che ha l’obiettivo di assicurare una più ampia tutela a tutti gli ospiti delle strutture private e statali.

La dotazione per il 2019 è pari a 5 milioni di euro, mentre sembra triplicarsi (15milioni) per gli anni dal 2020 al 2024. Grazie a questi fondi sarà possibile installare i sistemi di videosorveglianza nelle strutture per assistenza agli anziani e persone con disabilità. Grazie a questi fondi sarà anche possibile acquistare le apparecchiature per conservare le immagini per un tempo adeguato.

Decreto Sblocca cantieri: altre novità

Un’altra novità inserita nel provvedimento è quella riguardante la discussione in Commissione circa la procedura di installazione per le strutture abitative temporanee nelle zone colpite dal terremoto. In particolar modo sono coinvolti i comuni di Catania e Campobasso, con lo scopo di evitare l’abbandono del territorio.

Ad esultare maggiormente per l’approvazione dell’emendamento sono Forza Italia e Matteo Salvini, il quale rivendica il successo di tale iniziativa.

Per Forza Italia la deputata Annagrazia Calabria afferma che da tempo si sta lavorando per tutelare i più deboli e quindi si farà di tutto per attivare al più presto i fondi destinati al progetto. La soddisfazione più grande, secondo la deputata, è stata la condivisione di tale obiettivo da parte di tutti i partiti in maniera trasversale.