Conte e Tap:”Il gasdotto si deve fare”

50
il gasdotto tap ancora disordini tra i manifestanti salentini

Il Salento si ribella, il governo non può interrompere i lavori, la costruzione di Tap è “legittima”

La costruzione dell’opera che potrà effettivamente collegare all’Italia il Mar Caspio con tanto di approdo sulla salentina riva di San Foca di Melendugno è assolutamente “legittima” e, pertanto, non deve essere interrotta dal governo.

L’opera in questione, il gasdotto Tap, deve procedere annche perchè lo stop, secondo il premier Giuseppe Conte, “comporterebbe costi insostenibili, pari a decine di miliardi di euro”.

La decisione del premier

La decisione di Conte è arrivata nel tardo pomeriggio mettendo in estremo subbuglio la comunità salentina. Il capo del governo avrebbe, infatti, a tal riguardo evidenziato che l’esecutivo: “Ha fatto tutto quello che poteva, non lasciando nulla di intentato.

Ora però è arrivato il momento di operare le scelte necessarie e di metterci la faccia. Prometto un’attenzione speciale alle comunità locali perché meritano tutto il sostegno da parte del Governo».

Il Salento si ribella

La comunità salentina, tuttavia, non crede ai risarcimenti per i danni evocati da Conte anche perché, secondo alcuni, non sono mai state né quantificate né effettivamente documentate. «Non abbiano chiesto a Conte o alla ministra salentina Barbara Lezzi –  tuona il sindaco di Melendugno Potì – di essere i dottori dei nostri dolori – ed aggiunge – Ci cureremo da soli le nostre ferite, sapremo rialzarci e continuare a combattere.

Conte con questo atteggiamento avalla quella che sarà una follia ingegneristica e la distruzione di un intero territorio. Nel Salento se lo ricorderanno bene».

Altre reazioni politiche

Pesanti le reazioni politiche anche con il capogruppo Fi alla Camera Maria Stella Gelmini e che a tal proposito precisa: «il M5S sapeva di non poter bloccare il gasdotto, ma in Puglia ha fatto la campagna elettorale gridando NoTap, prendendo in giro i cittadini».

A gioire risulta, invece, il vicepremier Salvini: “Avere l’energia che costerà meno a famiglie e imprese è fondamentale, quindi avanti coi lavori”