Come richiedere il passaporto: documenti necessari e rinnovo

60
come richiedere il passaporto i documenti che servono

Come richiedere il passaporto? Quali sono i documenti necessari e come si fa il rinnovo? Il passaporto è di fondamentale importanza per tutti coloro che devono recarsi all’estero.

Si tratta di un documento che ha validità di 10 anni e che non si rinnova automaticamente quando scade.

Viene rilasciato dalle questure o, all’estero, dai rappresentanti diplomatici. Il rilascio del passaporto avviene in seguito alla messa a punto della firma digitalizzata del soggetto richiedente. La firma si trova nella seconda pagina del documento. Di solito è disponibile anche la forma elettronica del passaporto.

Sul documento sono contenuti tutti i dati anagrafici del titolare, la sua foto e le impronte digitali. Ma vediamo più in dettaglio come fare per richiedere il passaporto, quali sono i documenti per passaporto e come si procede al suo rinnovo.

Richiesta passaporto

Per richiedere il passaporto dobbiamo presentare una domanda. Ci si può rivolgere alla questura, al commissariato di pubblica sicurezza presso gli uffici passaporti, ai carabinieri oppure, se abbiamo un minimo di dimestichezza con internet, è possibile richiedere il passaporto online direttamente sul sito della polizia di Stato.

come richiedere il passaporto italiano

Normalmente, se ci si rivolge agli uffici della questura, si deve richiedere il passaporto negli uffici del luogo di residenza. Si può richiedere il documento anche nel luogo in cui si è domiciliati. Tuttavia in questi casi bisogna dimostrare quali sono le ragioni per cui non ci si reca nel luogo in cui ci si trova a risiedere.

Ricordiamoci però che le impronte digitali possono essere acquisite soltanto negli uffici della polizia di Stato. Non c’è assolutamente alcun rischio per la privacy, visto che l’ufficio della polizia detiene le impronte digitali soltanto per il tempo necessario alla lavorazione del documento. Poi procede alla loro cancellazione.

Per richiedere il passaporto bisogna presentare i seguenti documenti:

  • documento di riconoscimento (oltre all’originale, anche una fotocopia);
  • 2 foto formato tessera con sfondo bianco;
  • ricevuta di pagamento di 42,50 euro, che vanno versati sul conto corrente del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Come causale deve essere indicata la dicitura “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
  • marca da bollo del valore di 33,21 euro.

Ricordiamo che chi deve chiedere il rinnovo del passaporto, insieme a tutti gli altri documenti, deve consegnare anche il vecchio documento scaduto. Oltre a tutta la documentazione, bisogna presentare in questura anche un modulo da compilare per richiedere il rilascio del documento.

come fare richiesta per avere il passaporto

Rinnovo del passaporto

Il termine “rinnovo del passaporto” si usa in senso un po’ improprio. Infatti in senso stretto non si può parlare di rinnovo del passaporto, visto che alla sua scadenza si può procedere solamente alla richiesta di uno nuovo.

Il passaporto può essere richiesto da qualsiasi cittadino italiano. Qualche cambiamento si è avuto a partire dal febbraio 2003, quando è stata emanata un’altra legge che riguarda la validità del passaporto.

Con la legge del 2003, la validità di questo documento è passata da 5 a 10 anni. Quindi chi ha ottenuto il passaporto dopo questa data non può più rinnovarlo, ma deve procedere alla richiesta di un nuovo documento. Chi ha smarrito il passaporto deve presentare una copia della denuncia di smarrimento oppure della denuncia di furto, che viene rilasciata dall’autorità di pubblica sicurezza.

Passaporto per minori

Anche i minorenni devono avere il passaporto. Infatti, prima del 27 giugno 2012, le norme prevedevano l’iscrizione del minore sul passaporto dei genitori. Adesso, se si vuole andare al di fuori dell’Unione Europea, anche i minorenni devono possedere un documento individuale.

i documenti necessari per richiedere il passaporto

Un genitore può richiedere il documento per il figlio minorenne, soltanto se ha l’assenso dell’altro genitore. Non importa se la coppia sia formata da conviventi, sposati, separati o divorziati. La norma in questo senso è pensata esclusivamente per la tutela del minore.

L’altro genitore deve firmare l’assenso davanti ad un pubblico ufficiale. In alternativa si può presentare il nulla osta che viene rilasciato dal giudice tutelare. Se l’altro genitore è impedito per cause di forza maggiore nel presentarsi davanti ad un pubblico ufficiale per il deposito di un suo assenso, può essere presentata una dichiarazione con la fotocopia del documento con firma originale.

Come richiedere il passaporto online

Per richiedere il passaporto online, ci si deve collegare al servizio Agenda Online. Bisogna avere una prenotazione. Non si deve fare altro che registrarsi sul sito e seguire la procedura.

In questo modo possiamo scegliere il luogo, decidendo fra questura o commissariato, e poi possiamo stabilire il giorno e l’ora per consegnare la documentazione e per poter ottenere la rilevazione delle impronte digitali.

Cos’è il passaporto a domicilio

Nel 2014 ha preso il via un nuovo servizio chiamato passaporto a domicilio. Il tutto è possibile tramite una convenzione con Poste Italiane. I cittadini che vogliono ricevere direttamente a casa loro il documento possono farne richiesta, per poi pagare 8,20 euro in contrassegno. Per fare richiesta di questo servizio, si deve utilizzare una busta rilasciata dalla questura.

Vanno compilati i documenti con tutte le informazioni che riguardano il domicilio in cui si vuole ricevere il passaporto. Al cittadino viene rilasciata una ricevuta con uno specifico numero che serve a tracciare la spedizione.

Se eventualmente il soggetto richiedente è assente, al momento della ricezione del documento, viene rilasciato un avviso. Se trascorrono 30 giorni e il documento non è stato ancora ritirato, dalle Poste viene riportato all’ufficio passaporto. Questo metodo è anche assicurato contro fortuiti smarrimenti. Infatti, se si smarrisce la busta e la consegna non va a buon fine, il cittadino viene rimborsato con 50 euro.

Rinnovo passaporto in caso di smarrimento all’estero

Se accade di smarrire il passaporto mentre ci si trova all’estero, bisogna attivarsi per richiedere l’ETD, che significa emergency travel document. Questo documento sostitutivo va richiesto all’Italia. In questo modo il cittadino dispone di un documento provvisorio per poter partire verso un’altra destinazione e, in caso, per ritornare in Italia.

Per ottenere l’ETD, ci si può rivolgere presso le rappresentanze diplomatiche e gli uffici consolari del Paese in cui è stato perso o in cui è stato rubato il passaporto. L’ETD è un documento valido soltanto per un viaggio.