La cucina napoletana, le ricette di mare più semplici da preparare

150

Oltre alla pizza a Napoli si possono gustare piatti unici con frutti di mare e secondi di pesce facili da preparare anche a casa. Ecco alcune ricette di mare semplici da cucinare

La cucina tradizionale napoletana è famosa in tutto il tutto il mondo. I primi più richiesti sono ricette di mare semplici e gustose da preparare. Oltre alla pizza i turisti chiedono le specialità marinare essendo Napoli una città che affaccia sul mare. Le cozze e altri frutti di mare rientrano nella tradizione culinaria partenopea.

Ci sono molti primi piatti di ricette di mare ma noi vi suggeriamo alcuni tra i più famosi e semplici da preparare in tutti i periodi dell’anno in particolare in alcuni giorni di festa.

Gli scialatielli allo scoglio

Gli scialatielli allo scoglio, o anche detti scialatielli alla Posillipo sono molto semplici da preparare e li troviamo sempre nei menù dei ristoranti o trattorie di Napoli. Lo scialatiello è una pasta fresca che lega molto bene con il sugo preparato coi frutti di mare. E’ prodotta in Campania nella zona della costiera amalfitana e non contiene uovo come altri generi di pasta fresca e questo la rende più leggera.

Pochi e semplici ingredienti e non devono mancare:  le vongole, i lupini e le telline. Qualche frutto di mare può essere sostituito da cozze, taratufi e altri. Non deve mancare il pomodorino fresco e prezzemolo distribuito sopra  a piacere.

Spaghetti alle vongole

Gli spaghetti alle vongole sono la ricetta di mare più antica della storia della cucina partenopea. La ricetta è stata tramandata ed esportata in tutto il mondo. Ormai è un piatto proposto in tutti i ristoranti d’italia. Non tutti lo preparano seguendo la ricetta tradizionale. Alcuni chef hanno personalizzato la ricetta rendendola più appetibile.  Questo piatto non manca alla Vigila di Natale e a Capodanno. E’ molto semplice da preparare.

Per prima cosa è necessario acquistare vongole veraci lasciarle un poco in acqua di mare per permettere ai frutti di eliminare la sabbia. Quando siamo certi che all’interno non contengono più sabbia possiamo procedere alla cottura. Nel frattempo mettere sul fuoco una pentola alta riempita d’acqua e salata. In un tegame alto versare olio extra vergine d’oliva e due o tre spicchi d’aglio da togliere quando sono dorati. A questo punto se piace con il pomodorino aggiungere qualche spicchio prima di versare le vongole nel tegame.

cucina tradizionale napoletana spaghetti alle vongole

Togliere il tegame dal fuoco e versare le vongole scolate aggiungendo un poco d’acqua di mare. Coprire e lasciare cuocere fino a completa apertura del guscio. Nel frattempo calare la pasta e far cuocere q.b.. Scolare gli spaghetti cotti al punto giusto e versarli nel tegame insieme alle vongole aggiungendo una spruzzata di farina per far legare il sugo agli spaghetti. Dosare nei piatti e aggiungere un po’ di prezzemolo se piace. Il piatto è servito!

I paccheri al coccio

I paccheri al coccio è un piatto che viene proposto al ristorante ma è possibile prepararlo anche a casa. Acquistare un pesce coccio e pomodorini. Il coccio va pulito e tagliato a dadini che vanno soffritti insieme ai pomodorini. Il sugo è squisito e la tradizione vuole che sia associato ai paccheri una pasta grossa rigata che lega meglio il sugo.

I secondi di pesce

Il baccalà partenopeo

Il baccalà è un’altra tradizione partenopea. Viene preparato in vari modi: con le patate, fritto, oppure con impasto per fare le zeppoline. Anche questa pietanza è d’obbligo a Natale sulle tavole dei napoletani.

baccala in cassuola fatto a napoli

Il baccalà deve essere sfilettato e leggermente impanato e fritto aggiungere sugo con olive e capperi preparato in precedenza.

Il polpo alla Luciana

Il polpo alla Luciana viene preparato con i polipi piccoli cotti nel sugo con olive e capperi. Se piace può essere condito con pane tostato o crostini immersi nel sugo.

polipo alla luciana

La frittura di calamari

La frittura di calamari è molto gettonata in tutta Italia ma a Napoli ha un altro sapore. Chi non conosce il famoso cuppetiello di frittura? I calamari vengono tagliati ad anelli asciugati bene con un panno e passati nella farina. Immergere in olio bollente e servire dorati su un piatto circondato di insalata e limoni.

frittura di calamari

Queste e altre ricette di mare si possono assaggiare in tutti i ristoranti o trattorie di Napoli.

Buon appetito!