Come viene utilizzata la pasta nella cucina napoletana

131
spaghetti di gragnano con salsa

La Pasta di Gragnano è un prodotto campano I.G.P ottenendo il primo riconoscimento comunitario di qualità assegnato alla pasta in Italia e in Europa.

La pasta nella cucina napoletana a un lunga tradizione. A Napoli è stata tra le prime città a produrre pasta. Ci sono molti stabilimenti tra cui la Voiello, De Martino, Amato, la Garofalo e la famosa pasta di Gragnano.

La tradizione della pasta nella cucina napoletana

La pasta si è diffusa  dal XVII quando Napoli ci fu una carestia, e il popolo si dedicò alla produzione e al consumo della pasta che per i suoi benefici culinari ed economici fu soprannominata ‘oro bianco’ . E’ facile da produrre anche in casa e si conserva per molto tempo.

pasta di gragnano prodotto igp

Gragnano è una delle località dove si diffuse maggiormente la produzione della pasta forse anche al clima umido che ne preservava la freschezza e per questo la storia racconta che divenne una delle località più famose per la produzione di pasta. Infatti si racconta che l’origine del successo di Gragnano come patria della fabbricazione della pasta al 12 luglio del 1845, giorno in cui il re del Regno di Napoli, Ferdinando II di Borbone, si ebbe durante un pranzo preparato con la pasta gragnanese. Il Re fu molto colpito dal gusto che decise di concedere a Gragnano, l’onorificenza di Città dei Maccheroni.

Anche con la crescita che lo stabilimento ha avuto negli anni ancora oggi di preferisce produrre una pasta di qualità invece che di quantità. Poca ma buona. Oggi la Pasta di Gragnano è un prodotto I.G.P ottenendo il primo riconoscimento comunitario di qualità assegnato alla pasta in Italia e in Europa.

La produzione della pasta di Gragnano

Il procedimento della produzione è semplice e avviene con la semola di grano duro e acqua delle falde acquifere gragnanesi e l’estrusione dell’impasto avviene attraverso trafile fatte di bronzo. L’essiccazione avviene ad una temperatura compresa tra i 40° e gli 80° C. Dopo il raffreddamento, che dura un giorno, la pasta viene confezionata.