“The Silent Man”; una finestra sul caos Watergate.

La vera storia di Mark Felt, alias Gola Profonda, è finalmente al cinema

280
The Silent Man nuovo film al cinema

The Silent Man : Con lo pseudonimo “Gola Profonda” ha rappresentato l’anonima fonte del grandissimo scandalo Watergate; si tratta di Mark Felt! il celebre, misterioso e cruciale informatore per l’inchiesta del Washington Post.

Felt, vicedirettore dell’FBI, è venuto allo scoperto solamente nel 2005, dopo circa trent’anni di speculazione e curiosità del pubblico circa l’identità di un tanto misterioso quanto imperscrutabile informatore che oggi, grazie anche al nuovo film, fa ancora parlare di sé!

Dalla carta stampata alla pellicola dunque! la discussa e affascinante storia di Mark Felt è
approdata, finalmente, al cinema grazie al film “The Silent Man” di Peter Landesman.

Nelle migliori sale dal 12 aprile; il film distribuito da BIM, sa dare, ancora una volta, prova dell’eccezionale interpretazione di un attore talentuoso come Liam Neeson.

The Silent Man nuovo film al cinema

The Silent Man : Liam Neeson un grandissimo attore adatto al ruolo

Un attore che ha ammesso di aver avuto tanta perplessità nell’interpretazione di questo ruolo quanta motivazione; motivazione palesatasi anche attraverso le ricerche, gli studi e gli approfondimenti intrapresi dallo stesso attore al fine di definire meravigliosamente le sfumature di un personaggio estremamente discusso e complesso.

La difficoltà di interpretazione di un personaggio così indecifrabile ha dato, dunque, ennesima prova del talento di un attore che pur essendo abituato alle scene e alle emozioni forti sa contenere il suo impeto e la sua natura costringendola in un ruolo estremamente trattenuto e che in un solo ed unico momento, ed in una sola ed unica scena, nell’arco di un’ora e ben quaranta minuti, sa dare prova di emozioni incontrollate e tipicamente umane.

Il pericoloso sistema all’interno del quale si muove Mark Felt rivela, tuttavia, il forte lato emotivo di un uomo solenne che, pur amando fortemente la sua famiglia, sa compartimentare la sua esistenza e arrivare, addirittura, a sacrificarla pur di rendere note le informazioni in suo possesso.

The Silent Man : i segreti dell’FBI

The Silent Man non racconta, dunque, unicamente le vicende di un informatore del Washington Post ma anche la personalità e le vicende di un uomo che, celato dallo pseudonimo di Gola Profonda, ha saputo dare il proprio contributo alle premature dimissioni di Nixon ed alla rovinosa rivelazione circa la miriade di informazioni tenute nascoste nel nome di un presunto bene pubblico.

Un tipico ed inconfondibile tocco da giornalista investigativo si rivela, inoltre, nel film e nella trattazione di un regista che non nega assolutamente la sua natura.

Peter Landesman, passato dal giornalismo alla sceneggiatura e dalla sceneggiatura alla regia ha, infatti, saputo fondere nella nuova e discussa pellicola la tipica anima di chi vive la vera e propria azione del film, non nella dinamicità, ma nei profondi dialoghi.

The Silent Man : Un film da vedere assolutamente

Tocco di classe è, inoltre, l’apporto di Ridley Scott, produttore del film che ha saputo permeare, come di consuetudine, l’intera narrazione cinematografia con il suo classico e singolare punto di vista filosofico.

Enfatizzando un film che ha saputo rovesciare le prospettive e rivelare il reale scompiglio di un governo complesso e corrotto, Peter Landesman ragala, dunque, un dramma, tanto teso quanto fantastico nel quale gli intrighi, le soffiate e le intercettazioni sono soltanto alcuni degli elementi di una storia reale e determinante che sa mostrare, per la prima volta, il dietro le quinte dello scandalo Watergate.