Telegram Messenger: che cos’è e come funziona

219
come funziona telegram

Telegram Messenger è forse l’unico servizio di messaggistica istantanea che si è rivelato in questi anni capace di competere con il colosso WhatsApp.

Andiamo a scoprire quali sono le sue caratteristiche e il suo utilizzo; le modalità di installazione, le ultime novità e i consigli per utilizzarlo nella maniera migliore possibile.

Telegram, un’opportunità in più

Molti pensano che Telegram sia solo un “sostituto” di WhatsApp. In effetti è anch’essa una a applicazione di messaggistica, che permette di scambiare messaggi, informazioni e contenuti con i propri contatti, e quindi immagini, emoji, link, file e documenti; permette di creare e gestire dei gruppi tanto pubblici che privati, e con una serie di funzioni dedicate ai contenuti visual.

telegram messanger come funziona

Come il suo “collega” WhatsApp, Telegram è utilizzabile tramite smartphone, ma anche via computer e smartwatch Android Wear 2.0. Da un po’ di tempo, però, gli utenti della rete e in generale chiunque possegga uno smartphone ha cominciato a prendere familiarità con questo nuovo strumento capace di competere, in sordina, con la più famosa applicazione entrata di recente nella galassia di società di proprietà di Mark Zuckerberg.

Se Telegram resta ancora uno scalino indietro, da un punto di vista di utilizzo a livello globale, rispetto a WhatsApp, è insomma solo perché sono tantissime le persone che non l’hanno ancora provato.

«Devi scaricarlo, è cento volte migliore di WhatsApp!». Quante volte abbiamo snobbato un amico che ci ripeteva questa frase? All’origine c’è probabilmente l’idea che le due applicazioni svolgano le stesse funzioni, ed è quindi superfluo utilizzarle entrambe su un solo dispositivo. Sbagliato, almeno in parte! Andiamo a vedere perché.

Telegram: istallazione e avvio del sistema

Prima di tutto cominciamo a capire come funziona quest’applicazione, assolutamente semplice in tutto il suo utilizzo. Per installarla basta digitare il nome negli store del nostro smartphone e selezionare l’icona ufficiale (quella che raffigura un aereo di carta).

Naturalmente Telegram è disponibile sia per Android che per iOs, ma posso usufruire anche di una versione per Windows Phone e altrettanto posso fare se utilizzo un device con Firefox OS.

come installare telegram

Allo stesso modo, Telegram è scaricabile sul desktop, tanto per pc quanto per Mac, ed è anche fruibile on line, collegandosi al sito ufficiale oppure installando l’estensione per Google Chrome, che ci permette di tenere la chat sempre a disposizione sul nostro browser.

Utilizzo su smartwatch

Bruciando tutti sul tempo, Telegram ha anche presentato una app per Android Wear 2.0, per chattare direttamente dallo schermo dello smartwatch, anche attraverso messaggi vocali e con praticamente tutte le funzioni principali dell’applicazione tradizionale.

Come iniziare ad usare Telegram sullo smartwatch

Creare un account e aggiungere i contatti, mi permette di usare Telegram praticamente come una alternativa a WhatsApp. Come si diceva in precedenza, però, in questo modo ne sto utilizzando solo alcune funzioni. Ma partiamo dalla chat: la schermata di inizio è simile a quella degli altri sistemi di messaggistica.

come usare telegram sullo smartwatc

Elenco dei contatti, tap sulla singola conversazione, e spazio dove scrivere i messaggi. Esistono però delle altre opportunità. Una di queste è costituita dagli sticker, simili alle emoji ma più complessi e accurati.

Si utilizzano facilmente attraverso una icona specifica, registrando in archivio quelle che non posseggo e creando, al bisogno, delle collezioni da condividere successivamente.

Telegram Gratuito e sicuro: tutti i punti di forza

Proviamo a capire adesso quali sono i punti di forza di Telegram e perché potrebbe essere utile averlo a disposizione tra le nostre applicazioni. I vantaggi sono tanti, quindi è meglio procedere per gradi.

Innanzitutto Telegram è un sistema estremamente sicuro: le sue conversazioni sono crittografate, e non possono essere visionate da terzi. Il contenuto delle chat segrete, inoltre, viene codificato nel momento in cui “parte” dallo smartphone, per poi essere decodificato solo quando arriva a destinazione.

In questo modo diventa difficilissimo qualsiasi attacco alla nostra privacy. Da questo punto di vista, Telegram è anche attento alle modalità di ricezione dei messaggi e agli avvisi di connessione degli altri utenti: non esistono le spunte blu come in WhatsApp per segnalare la differenza tra ricezione e lettura del messaggio, ma solo spunte unicolori che da una passano da una a due nel momento della lettura.

La grande sicurezza di Telegram è dovuta, per la maggior parte, all’uso del protocollo MTProto, al doppio livello di crittografia e all’enorme attenzione al tema della privacy. È il caso della possibilità di chat segrete.

Telegram ed i Messaggi segreti

Si tratta di una funzione molto interessante ed efficace, che fornisce il livello massimo esistente al momento di sicurezza dei messaggi. All’interno delle FAQ ufficiali si spiega bene perché: “Tutti i messaggi nelle chat segrete utilizzano la crittografia end-to-end. Questo significa che solo tu e chi riceve i messaggi li potete leggere — nessuno può decifrarli o intercettarli, inclusi noi di Telegram”.

Nella pratica, è come mettere un messaggio in cassaforte. Una volta cancellato, questo esce anche dalla memoria del cellulare da cui è stato ricevuto, una cancellazione che si può addirittura pre-impostare con un tempo predefinito di autodistruzione: questo vale per i messaggi, per i file e per la chat stessa.

Telegram : Recuperare le vecchie chat

Come detto, le conversazioni vengono memorizzate all’interno del cloud, e vi si può accedere attraverso tutti i dispositivi per cui è previsto l’utilizzo di Telegram. Elemento fondamentale in questo senso, quando cerco un messaggio inviato o ricevuto in passato, è la possibilità di utilizzare Telegram dal pc anche senza una connettività del cellulare.

I bot di Telegram, una novità assoluta

Si chiamano bot quelle applicazioni di terze parti che si presentano come chat automatiche e sono capaci di soddisfare richieste fate attraverso dei precisi comandi. Per esempio, quelle che danno informazioni sul meteo, o ci permettono di ascoltare musica o vedere video su Youtube.

Ancora, quelle che ci permettono di seguire il percorso di un pacco in viaggio dopo aver acquistato un prodotto via internet, o anche vedere film su Netflix. Si tratta di un elemento importantissimo offerto da Telegram, capace di semplificare le operazioni utilizzando una sola applicazione per avere informazioni in tempo reale da altre, diversissime tra loro.

cosa sono i bot di telegram

Qualche esempio: sono in viaggio in una città d’arte, e tramite Musei Italiani posso trovare i musei più vicini, i loro orari di apertura, eccetera; sono in autostrada, a corto di benzina, e con Carburanti Bot saprò dove e quando fermarmi.

Il vero vantaggio, oltre alla praticità, è quello di utilizzare la stessa quantità di dati di una chat, e quindi assai meno rispetto a una applicazione specifica che propone lo steso servizio.

I gruppi di Telegram

Si parla molto della gestione e della organizzazione dei gruppi chat offerta da Telegram. L’applicazione offre infatti due possibilità: quella classica, di gruppi fino a duecento persone, in cui tutti hanno possibilità di aggiungere elementi e cambiare le informazioni di base.

cosa sono i gruppi di telegram

Esistono però anche i cosiddetti “supergruppi”, che permettono di arrivare fino a cinquemila partecipanti per ogni chat. Automaticamente, se il gruppo si espande e diventa un “supergruppo” cambiano anche le funzionalità: in primo luogo, la gestione centralizzata da parte degli amministratori, gli unici a poter intervenire sulle caratteristiche del gruppo, cosa che permette una gestione della comunicazione molto più pratica.

I canali di Telegram

I canali di Telegram sono la vera chicca, e permettono di trasformare un servizio di messaggistica istantanea in qualcos’altro, di molto più potente. Si tratta infatti di un vero e proprio mezzo di comunicazione pubblico, una specie di newsletter, raggiungibile tramite un URL personalizzato, con una quantità illimitata di iscritti.

cosa sono i canali di telegram

Chi crea il canale ha la possibilità di dar vita a notizie, condividere link e informazioni utili, creando attorno alla propria persona un vero e proprio pubblico che sa dove, come e quando reperire informazioni in tempo reale, sul proprio cellulare.

È questo il motivo per cui negli ultimi anni diversi siti internet di news utilizzano Telegram per una comunicazione istantanea con i propri utenti e il proprio pubblico.

Telegram o WhatsApp?

Alla fine il dubbio resta sempre, e la domanda è quella: scegliere Telegram o WhatsApp? I partigiani di uno o dell’altro servizio ci saranno sempre, ma ci sono alcuni dati che appaiono incontrovertibili. Telegram è tecnicamente superiore, una applicazione adatta per essere utilizzata non solo come strumento di messaggistica, ma per dei precisi scopi utili soprattutto in campo professionale.

scegliere telegram oppure wapp

WhatsApp può ancora contare però su una diffusione superiore, soprattutto da un punto di vista aziendale. La scelta, insomma, è come sempre da effettuare in base alle proprie priorità o esigenze, ma il vero nucleo della questione è che l’utilizzo di una applicazione non esclude l’altra.

Per molti versi, infatti, Telegram e WhatsApp sono addirittura complementari, dal momento che ognuna ha caratteristiche e vantaggi che vengono meno nell’altra.

Gli adesivi e le Gif di Telegram, l’editor per le foto e l’utilizzo offline sugli altri dispositivi, contro la diffusione capillare e le opportunità di entrare sempre in contatto con chiunque offerta da Whatsapp.

Una concorrenza che oggi appare relativa, se si considera la grandezza e soprattutto l’espansione del mercato.

Tra qualche anno, probabilmente, tutti noi entreremo nell’ottica del doppio utilizzo, magari usufruendo di WhatsApp per scambi personali, lasciando per un livello lavorativo la professionalità e i tecnicismi di Telegram.