Suburra 3 Netflix: Anteprima delle prime due stagioni

14
suburra la terza stagione torna su netflix

Ieri è andata in onda la terza e ultima stagione della serie tv Suburra. Francesco Acquaroli aka Samurai ci svelano alcuni retroscena.

La prima serie originale italiana è andata in onda stasera su Netflix. Stasera abbiamo assistito alla serie crime thriller con Alessandro Borghi e Giacomo Ferrara. Suburra è una serie televisiva italiana del 2017 ispirata all’omonimo film del 2015, che ha preso a sua volta spunto dal romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini.

Riepilogo delle precedenti stagioni di Suburra

Prima stagione

La serie segue le vicende di alcuni personaggi tra politici, criminali e persone comuni, coinvolti negli affari malavitosi della città di Roma, sullo sfondo dell’assegnazione degli appalti per la costruzione del Porto Turistico di Roma nella frazione di Ostia.

Nel febbraio del 2008, a seguito dell’annuncio delle dimissioni da parte del sindaco di Roma, il Samurai, regista criminale del malaffare romano, ha solo 21 giorni per concludere l’acquisto di alcuni terreni del lungomare di Ostia, parte di proprietà del Vaticano e parte di proprietà della famiglia Adami, e far approvare dalla Commissione all’Edilizia la riunione in un solo lotto di quei terreni. Questo è un passo obbligatorio e preliminare alla costruzione del Porto Turistico che dovrà sorgere su quei terreni. L’appalto per la costruzione del Porto Turistico è nelle mire delle mafie del sud Italia, strategico per il traffico di drogae per entrare nel giro di affari della capitale.

spadino in suburra 3 la stagione finale

Aureliano Adami vive con il padre Tullio, che mal sopporta, e con la sorella Livia, e sogna di costruire uno chalet sui terreni di Ostia di appartenenza della madre, morta molti anni prima. La famiglia Adami si oppone fermamente al progetto di Aureliano. L’altro personaggio principale, Spadino, appartiene alla famiglia Anacleti, di etnia sinti, dedita allo strozzinaggio e in misura minore allo spaccio di stupefacenti, ma è disinteressato alle attività criminali organizzate dalla sua comunità. La famiglia Anacleti e la famiglia Adami sono avversarie per il controllo delle attività criminali della zona di Ostia, storicamente sotto il controllo degli Adami per quello che riguarda il traffico degli stupefacenti.

Gabriele Marchilli, il terzo protagonista, sembra il classico bravo ragazzo ed è figlio di un poliziotto, che sogna per lui un futuro da funzionario di polizia. Amedeo Cinaglia è invece un politico, consigliere comunale del comune di Roma, onesto e idealista, sente fortemente il senso di dovere nei confronti dell’elettore ma è pieno di rancore nei confronti del partito in cui non si sente rappresentato, anzi, sottovalutato nonostante il suo lavoro in commissione e la sua integrità. Entrambi sono coinvolti loro malgrado nell’affare dei terreni di Ostia, la prima come antagonista di Samurai, l’altro come pedina.

Seconda stagione

Le vicende hanno luogo tre mesi dopo la fine della prima stagione, nei quindici giorni prima delle elezioni del nuovo sindaco di Roma, nel mese di giugno del 2008. Sono giorni cruciali per il futuro della capitale.

Proprio a causa di questa scadenza ad alto impatto sociale, la battaglia tra politici corrotti, Chiesa e criminalità organizzata si fa ancora più intensa. Il potere sulla città di Roma è al centro delle dinamiche della seconda stagione che, quindi, allarga il suo “raggio d’azione” rispetto alla prima che ruota intorno al Vaticano e ai terreni di Ostia. La competizione per il potere è spietata e i personaggi sono sempre più desiderosi di ottenerlo.

Essere diventati grandi significa anche aver maturato la consapevolezza di quello che si vuole. La posta in gioco è ancora più alta rispetto alla prima stagione: proprio per questo sono disposti a tutto e si dimostrano combattivi.

Che cosa ci aspetta per la terza stagione di Suburra?

Tornano in scena Aureliano e Spadino pronti a conquistare Roma. Nel cast di Suburra 3: Alessandro Borghi, Giacomo Ferrara, Filippo Nigro e Francesco Acquaroli, con la regia di Arnaldo Catinari. I sei episodi raccontano il mondo del crimine romano. Con l’elezione del nuovo sindaco di Roma e l’ascesa in Campidoglio di Cinaglia, la Suburra si mette di nuovo in moto. Aureliano e Spadino sono pronti a sfidare di nuovo Samurai e reclamare il trono della Città Eterna.

dove vedere la terza stagione di suburra