Ferro: recensione del documentario su Tiziano Ferro

24
tiziano ferro amazon prime video

Ferro è un film documentario realizzato nel 2020 che racconta la vita e la carriera del cantautore italiano Tiziano Ferro, distribuito sulla piattaforma streaming Prime Video insieme a 4 allegati.

In un continuo viaggio fra passato e presente, Tiziano Ferro racconta vari aspetti della sua vita. Si inizia parlando del bullismo subito a scuola, il suo essere stato estremamente sovrappeso da adolescente, il suo essere stato impopolare finché le persone non lo hanno sentito cantare la prima volta e nel contempo le difficoltà incontrate nell’avere un primo contratto discografico a causa del suo peso e il conseguente dimagrimento.

In questo frangente viene mostrata un’apparizione di Ferro nello show di Fabio Fazio Che Tempo Che Fa durante la quale l’artista pronunciò un monologo su bullismo e cyberbulismo.

tiziano ferro durante un suo concerto

Dopo aver mostrato alcuni momenti salienti dei suoi primi anni di carriera, Ferro affronta altre due problematiche che ha dovuto affrontare in quel frangente: il dover continuamente celare la propria omosessualità e i conseguenti problemi psicologici che l’hanno spinto nel baratro dell’alcolismo.

Il cantante affronta dunque il percorso di lenta distruzione che gli ha fatto perdere varie opportunità di lavoro e amicizie, fino ad una svolta che gli ha cambiato in meglio la vita: la decisione di iniziare a frequentare un gruppo di alcolisti anonimi e quella di eseguire il coming out, quest’ultima presa grazie anche ad un forte supporto morale del produttore discografico Fabrizio Giannini.

Ferro si sofferma dunque sui progressi fatti e le relazioni interpersonali intraprese grazie al percorso fra gli alcolisti anonimi e mostra al pubblico un episodio saliente della sua vita: quando partecipò a una lezione in una scuola di lingua italiana a Londra e parlò fra le altre cose anche di come il coming out abbia cambiato la sua vita.

A questo punto l’artista parla di quando ha conosciuto suo marito Victor Allen, mostra momenti della loro vita e del loro matrimonio, descrive il rapporto che c’è fra Victor e i suoi genitori e fra sé stesso e i genitori di Victor e lascia infine la parola al compagno e ad amici comuni affinché parlino di lui sul lato strettamente personale.

Dopo aver descritto la sua vita da “non famoso” in USA insieme a Victor, Ferro mostra cosa accade quando ritorna in Italia per motivi di lavoro o per ricongiungersi con i suoi cari: da un lato abbiamo i paparazzi che lo seguono ovunque e la sua partecipazione in qualità di ospite fisso al Festival di Sanremo 2020, da un altro abbiamo un forte attaccamento per la sua Latina ed il ricordo di sua nonna, ormai defunta. Ferro racconta dunque le circostanze che hanno portato per davvero alla composizione di quel brano.

Mymovies ha assegnato 3 stelle su 5 a Ferro, affermando che: “Il film è enfaticamente, completamente al suo servizio, altalena di flou e ralenti e compendio di massime di auto-aiuto, teso a catturare per sempre una vetta di verità e felicità insperate, da non dare mai per scontate”.