Visita Cardiologica: in cosa consiste?

5

La visita cardiologica è molto importante per poter monitorare il funzionamento del nostro cuore e rappresenta la base per la diagnosi e la cura di qualsiasi problema cardiologico

La visita cardiologica serve principalmente per diagnosticare e porre rimedio terapeutico ad un qualsiasi problema legato al cuore.

Coloro che sono affetti da qualunque problema cardiologico devono essere seguiti da un medico specialista che deve effettuare una visita cardiologica completata da un elettrocardiogramma.

Visita Cardiologica: come viene effettuata

Generalmente una visita a cuore dura dai 15 ai 30 minuti, ma dipende dalla problematica in questione e dai risultati degli esami dell’elettrocardiogramma. Inoltre, non è previsto alcun tipo di preparazione prima della visita, pertanto il paziente non deve sottostare a nessun tipo di azione propedeutica alla visita.

Grazie ad una visita cardiologica si può effettuare la diagnosi e la cura delle patologie cardiache come l’ipertensione arteriosa, lo scompenso cardiocircolatorio, malattie delle valvole cardiache, la cardiopatia ischemica, le cardiomiopatie o serve ad aiutare i pazienti portatori di protesi valvolari.

visita cardiologica vediamo come farla

Le visite sono effettuate presso i laboratori di cardiologia a cui possono accorrere anche pazienti che non sono affetti da alcun tipo di patologia conosciuta, ma che hanno bisogno del parere del medico specialista perché hanno riscontrato alcuni sintomi come: affanno, dolore toracico, svenimenti, palpitazioni, astenia o capogiri.

Dopo si può fare una visita Cardiologica? Quanto costa?

È possibile prenotare una visita cardiologica sia nelle strutture previste dal Servizio Sanitario Nazione che in ambulatori privati, cambiano solo le modalità.

Per poter effettuare una visita cardiologica presso il Servizio Sanitario Nazionale c’è bisogno dell’impegnativa del medico di medicina generale, il quale deve sottoscrivere sulla prescrizione i dati anamnestici dell’assistito (nome, cognome ed età), il codice fiscale, la domanda diagnostica, le prestazioni richieste e indicare eventuali esenzioni o il livello di impellenza.

elettrocardiogramma per la visita cardiologica

Qualora si dovesse ricorrere a prestazioni private non è richiesta obbligatoriamente la prescrizione medica, anche se la si consiglia lo stesso per avere informazioni più precise sulla assistito.

Infine va detto che una visita cardiologica costa mediamente tra i 70€ e i €120, dipende dal tipo di esenzione del paziente e dalla struttura presso cui ci si rivolge.

Come è strutturata una visita Cardiologica?

Una visita cardiologica può essere suddivisa in 6 parti, anche se deve essere adattata in base alle necessità del paziente.

Nella prima parte, chiamata anamnesi, il medico raccoglie le informazioni generali riguardanti il paziente e la sua famiglia in modo da poter individuare una base per la visita cardiologica o cardiovascolare. In questa prima parte si chiede al paziente di essere quanto più dettagliato possibile, in modo da capire se vi è una predisponente genetica per un eventuale disturbo cardiologico.

Successivamente si passa all’esame obiettivo, vale a dire l’analisi delle caratteristiche fisiche e semeiotica del paziente, attraverso le tecniche di percussione, palpazione e ascoltazione che possono essere combinate a manovre particolari utili alla diagnosi.

Successivamente si passa l’elettrocardiogramma (ECG), una registrazione esterna dei potenziali elettrici del cuore che fornisce una interpretazione dettagliata della funzionalità dell’organo.

Infine, si passa all’analisi di ulteriori esami di laboratorio, qualora si dovessero presentare delle ipotesi diagnostiche non convincenti. Infatti, per avere dati più certi è utile ricostruire il quadro clinico del paziente attraverso ulteriori interventi per arrivare alle conclusioni del caso clinico e somministrare una cura.