Celiachia e alimenti senza glutine: 10 consigli utili

298

Celiachia, come evitare gli alimenti senza glutine e acquistare i prodotti in sicurezza senza rinunciare al gusto e al piacere di mangiare.

Per curare la celiachia non ci sono terapie l’unica soluzione è consumare alimenti senza glutine. In questo articolo vi daremo alcuni consigli utili e indicheremo i cibi da evitare.

Che cos’è la celiachia?

La celiachia è un’infiammazione cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’ingestione di glutine in soggetti geneticamente predisposti; può manifestarsi in individui di tutte le età a partire dallo svezzamento.

Tra i sintomi vi sono diarrea cronica, dolore addominale, gonfiore addominale, ritardo della crescita nei bambini e astenia. In certi casi (forme atipiche) questi sintomi possono essere assenti e possono esservi sintomi extraintestinali, tra cui sintomi neurologici e correlati al malassorbimento; in questi casi la diagnosi è spesso fatta in età adulta.

biscotti senza glutine

Si ritiene che la malattia possa interessare da 1 su 1750 a 1 su 105 persone negli Stati Uniti. Inoltre la celiachia è causata da una reazione alla gliadina, una prolammina (proteina del glutine) presente nel grano e da proteine simili che si trovano nelle tribù di Triticeae, che comprendono altri cereali comuni, come orzo e segale.

Non esiste una cura ma è possibile gestirla eliminando cibi che contengono glutine.

Come eliminare gli alimenti senza glutine

Purtroppo il glutine lo ritroviamo in molti alimenti che fanno parte della dieta Mediterranea tra cui i più importanti e appetibili sono la pasta e il pane. Ma non disperate. Infatti la diffusione di questa patologia ha reso possibile la produzione di molti prodotti che non contengono glutine. Oggi in molte pizzerie è possibile chiedere una pizza senza glutine.

pane senza glutine gluten free

Questo è possibile grazie a farine trattate ‘senza glutine’ che si possono acquistare anche al supermercato e realizzare dolci o altro tranquillamente a casa.

Vediamo quali sono gli alimenti senza glutine

L’associazione italiana celiachia (AIC), ha stabilito che un alimento  per essere definito  “senza glutine”, non deve contenere più di 20 mg di glutine per Kg (20 ppm – parti per milione). Naturalmente è certificato sul prodotto e controllare sempre sull’etichetta tutte le sostanze indicate per accertarsi che non contengano proteine tossiche per i celiaci.

senza glutine spiga barrata

Il simbolo della Spiga Barrata

Il simbolo della “spiga barrata” è indicato sul prodotto che non contiene glutine ed è stato realizzato dall’AIC per velocizzare e semplificare la certificazione dell’alimento.

  • 10 consigli utili per scegliere in sicurezza gli alimenti
  • Leggere con attenzione le etichette alimentari all’acquisto e cercare la “spiga barrata”.
  • Utilizzare sostituti senza glutine al posto di alimenti contenenti glutine senza rinunciare alla pasta, pane e cracker
  • La maggior parte degli alimenti indicati nella dieta è già priva di glutine. Frutta e verdura fresche, carne, pollame, pesce, formaggio e uova sono naturalmente privi di glutine.
  • Utilizzare i cereali e le farine senza glutine
  • Conoscere gli alcolici senza glutine: sidro, vino, sherry, liquori e porto. Contengono glutine: birre lager, stout e ales; superalcolici a base di frumento (vodka, whiskey ecc). Le birre senza glutine sono ormai diffuse in vari supermercati e ristoranti, ma assicuratevi di bere solo quelle con la “spiga barrata”.
  • Non rinunciare a mangiare fuori casa. Oggi quasi tutti i ristoranti e le pizzerie hanno un menù ‘Gluten Free’.
  • Prestare attenzione alla contaminazione crociata. Lavare le superfici della cucina prima dell’uso, utilizzando recipienti e strumenti separati, limitando lo spargimento di briciole e farina con glutine, e considerando i cibi per celiaci mono-dose.
  • Evitare gli alimenti contenenti glutine occulto. Leggi sempre l’etichetta ed escludi qualsiasi prodotto “sospetto”.
  • Si possono sperimentare tante ricette  con i prodotti senza glutine.
  • I pasti senza glutine non sono male. Molte pasticcerie vendono dolci ‘gluten free’.

Ecco l’elenco degli alimenti con e senza glutine

  • Alimenti permessi:
  • Riso
  • Mais
  • Grano saraceno
  • Amaranto
  • Quinoa
  • Miglio
  • Teff
  • Sorgo
  • Tapioca
  • Farina a base di frutta secca
  • Semi di lino
  • Semi di chia
  • Frutta di tutti i tipi (fresca e secca, con e senza guscio, disidratata, sciroppata e/o frullata)
  • Verdura di tutti i tipi (fresca, surgelata, essiccata, liofilizzata, sottaceti e sottolio)
  • Legumi (freschi, secchi, surgelati o in scatola)
  • Carne di tutti i tipi
  • Pesce, molluschi e crostacei
  • Uova
  • Latte e derivati (latte fresco e a lunga conservazione, formaggi freschi o stagionati, panna fresca e yogurt senza aggiunta di addensanti e aromi)
  • Miele
  • Zucchero bianco e di canna
  • Fruttosio puro
  • Radice di liquirizia
  • Nettari e succhi di frutta non addizionati con vitamine o altre sostanze
  • Caffè, tè e infusi a base di erbe
  • Vino, spumanti e distillati non addizionati con sostanze aromatiche
  • Alimenti vietati:
  • Frumento
  • Farro
  • Orzo
  • Kamut
  • Avena
  • Segale
  • Spelta
  • Germe di grano
  • Seitan
  • Cous Cous
  • Bulgur
  • Monococco
  • Triticale
  • Crusca da cereali vietati
  • Malto da cereali vietati
  • Amidi, farine, semole, fiocchi e creme da cereali vietati
  • Pani e prodotti da forno, dolci e salati, contenenti cereali vietati
  • Minestroni e zuppe contenenti cereali vietati
  • Prodotti pronti impanati con farine vietate
  • Frutta disidratata infarinata
  • Yogurt con cereali vietati
  • Salumi e insaccati contenenti glutine
  • Lievito naturale
  • Cioccolato con cereali vietati
  • Bevande a base di avena o di altri cereali vietati
  • Birra da malto d’orzo o frumento
  • Caffè d’orzo o surrogati contenenti cereali vietati