De Magistris, il ricorso per sbloccare la spesa è pronto

81
luigi de magistris sindaco di napoli il ricorso per sbloccare la spesa pubblica

Il sindaco Luigi de Magistris comunica il ricorso contro il blocco della spesa “discrezionale” e spiega il signifcato per il Comune della cancellazione del debito “ingiusto”

Il sindaco Luigi de Magistris comunica che presto si farà ricorso contro il blocco della spesa “discrezionale” imposto dalla Sezione regionale della Corte dei Conti.

L’annuncio che non risulta affatto delicato verso la magistratura contabile sottolinea, infatti, il racconto di un sindaco che chiarisce il significato per il Comune di cancellare il cosiddetto “ingiusto” debito.

L’intervento di de Magistris

Il sindaco, infatti, spiega: “Molte delle somme che il Comune, e dunque i napoletani, devono pagare appartengono alle gestioni commissariali (…) Rispetto tutte le decisioni e quando non sono d’accordo lo dico.

Quando si cominciano a vedere cose molto discutibili sul piano giuridico istituzionale si ha un po’ il dovere di dirle perché altrimenti c’è il rischio di affamare un popolo, distruggere diritti e interrompere una rinascita che passa attraverso la virtuosità dei conti”.

Lo stop alla spesa

Lo stop alla spesa è questione dura accettare, il Sindaco, infatti, precisa: “Sembra quasi che come superi un ostacolo immediatamente c’è davanti un altro paletto. Noi siamo consapevoli che c’è tanto da fare, ma lasciatecelo fare.

Qualche volta si ha la sensazione che c’è qualcuno che quasi ti vuole impedire di portare la risposta definitiva a una città che è autonoma da tutti poteri, questa cosa dobbiamo cominciare a dirla – ed infine conclude –

Avessimo fatto noi questi debiti allora avrei detto che sono un incapace, devo però pagare questi prezzi per debiti che non sono neanche delle Amministrazioni precedenti, ma di commissari di Governo noi siamo vittime, dobbiamo essere risarciti.

Dov’era prima tutta questa gente che doveva evitare che si arrivasse a questo? Resto basito perché stiamo entrando in una sfera che non è più quella del giusto equilibrio”.