«Mi fai schifo» Matteo Renzi al veleno contro Beppe Grillo

37
beppe grillo show con la manina del decreto del governo

“Senza giri di parole: Beppe Grillo, per me fai schifo”; così tuona in un post su Facebook il senatore, in seguito a dichiarazioni rilasciate al circo massimo da parte del fondatore del M5S

 In un post su Facebook il senatore DEM, ex presidente del consiglio, senza peli sulla lingua: «Senza giri di parole: Beppe Grillo, per me fai schifo», in merito alla recente uscita del fondatore del Movimento 5 Stelle, di risposta ad alcuni cori elevati dalle persone presenti alla “kermesse”.

L’ex comico genovese ha preso in giro i politici dichiarando che: «Sono psicopatici con la sindrome di Asperger…» , indignato Matteo Renzi sui social: «Sabato i 5 stelle hanno chiuso il proprio evento al Circo Massimo con gli insulti di Beppe Grillo al Capo dello Stato italiano, al Capo dello Stato francese, all’Opposizione», aggiunge il senatore.

Continua così Renzi dicendo la sua a riguardo: «Il noto pregiudicato genovese ha pensato bene di insultare anche le persone che soffrono per l’autismo — Chi ha un figlio con disturbi allo spettro autistico combatte ogni giorno perché il suo bambino non venga discriminato. Che vergogna vedere il primo partito italiano che chiude la propria festa annuale con parole di scherno verso queste famiglie».

Le parole di Beppe Grillo

Le parole che hanno suscitato tanto clamore sono le seguenti: «Chi siamo? Siamo pieni di malattie nevrotiche, siamo pieni di autistici, l’autismo è la malattia del secolo. L’autismo non lo riconosci, per esempio è la sindrome di Asperger (cos’è la sindrome di cui ha rivelato di soffrire anche la scrittrice Susanna Tamaro): c’è pieno di questi filosofi in televisione che hanno la sindrome di Asperger.

Che è quella sindrome di quelli che parlano in quel modo e non capiscono che l’altro non sta capendo. E vanno avanti e fanno magari esempi che non c’entrano un cazzo con quello che sta dicendo, hanno quel tono sempre uguale. C’è pieno di psicopatici….».

Oltre alla reazione dell’ex premier, anche molte associazioni, famiglie e persone legate o che hanno rapporti con patologie riconducibili all’autismo hanno espresso il loro disdegno.
Anche molte persone affette dalla malattia sono rimaste offese, dichiarando che non è bello schernire chi soffre a causa della loro condizione, riportiamo di seguito un estratto preso da un post su facebook : « Per noi autistici — Proprio tu… Dovresti sapere che chi ha un figlio autistico già deve ogni istante combattere perché il figlio non sia discriminato, non debba subire lo scherno di chi non capisce che proprio quel suo “non capire” non è dovuto a cattiveria ma a un suo modo d’essere, al suo “cervello diverso”».

Le accuse al capo dello stato

L’ex leader del movimento ha espresso la sua anche in merito ai poteri in possesso del presidente della repubblica. Ha dichiarato che un capo di stato per il fatto di aver nominato 5 senatori a vita, per essere sovraintendente del Consiglio Nazionale della Magistratura e avere il controllo delle forze armate, non puo essere ancora in linea con la corrente di pensiero pentastellata; e aggiunge: «Bisognerebbe togliere i poteri al capo dello Stato, dovremmo riformarlo»