Reddito di Cittadinanza: come fare per averlo?

64
come richiedere il reddito di cittadinanza

Il decreto legge pensato per ostacolare la povertà e far rifiorire l’occupazione è stato approvato dal Consiglio dei Ministri, come potervi accedere?

Il Reddito di Cittadinanza fa parte di una manovra  politica ed economica, volta a sostenere tutti i cittadini che si trovano in condizioni di disagio finanziario. Oltre al sostegno economico, queste persone possono ottenere formazione professionale è un possibile posto di lavoro.

Il Reddito di Cittadinanza: alcune informazioni utili

Innanzitutto, bisognerà spiegare cos’è il reddito di cittadinanza. Il Movimento 5 Stelle ha proposto la misura di intervento come previsto dalla Legge di Bilancio 2018 per contrastare la povertà, l’esclusione sociale e le disuguaglianze. Con la Legge di Bilancio 2019 si è predisposto un fondo pari a 7 milioni di euro per il 2019, 8 milioni di euro per il 2020 e 8.317 milioni di euro annui a partire dal 2021.

In questo modo, si vuole garantire il diritto al lavoro, alla scelta di quest’ultimo, il diritto all’informazione, alla formazione, all’istruzione e alla cultura a tutti i cittadini in egual misura.

Il primo passo è stato pensare politiche di sostegno economico e reinserimento sociale, per tutti coloro che sono in condizioni di difficoltà economica e momentaneamente disoccupati.

Il vero scopo del Reddito di Cittadinanza è fornire il sostegno, il diritto al lavoro e alla formazione a tutti coloro che ne hanno bisogno, favorendo l’incontro tra domanda e offerta e migliorando l’occupazione lavorativa di soggetti e famiglie che si trovano al di sotto della soglia di povertà assoluta.

Inoltre, si è pensato anche a tutti i cittadini di età superiore 67 anni che si trovano in una situazione di povertà assoluta. In quel caso non si parla di Reddito di Cittadinanza, bensì di Pensione di Cittadinanza.

I requisiti per richiedere il Reddito di Cittadinanza

Per richiedere il Reddito di Cittadinanza 2019 bisogna essere in possesso di alcuni requisiti:

  • Essere cittadino europeo, italiano o soggiornante di lungo periodo;
  • Residente in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due continuativi;
  • Aver compiuto la maggiore età;
  • Essere inoccupato o attualmente disoccupato;
  • Avere un patrimonio immobiliare fino ai €30.000 annui, diverso dalla prima abitazione;

Il patrimonio finanziario non deve superare i €6.000. Il limite verrà a cresciuto per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo di €2.000 e di €1.000 per ogni figlio successivo al secondo, fino ad un massimo di €10.000. Il discorso cambia in famiglie con persone disabili, il cui detto massimo potrà arrivare fino a €20000;

Avere un ISEE inferiore ai €9360 annui.

Quanto dura il Reddito di Cittadinanza? Come viene erogato?

Chiaramente il Reddito di Cittadinanza non ha una durata a vita, infatti la validità è di 18 mesi ed è rinnovabile previa sospensione di un mese. Nel caso della Pensione di Cittadinanza non è previsto un periodo di sospensione.

Il sostentamento economico è pensato per fornire un contributo alle spese di gestione della casa o per il mutuo, per un beneficio compreso tra i €480 e i €9.360 all’anno.

Il Reddito di Cittadinanza viene riconosciuto dall’INPS ed è erogato tramite un’apposita carta chiamata la “carta RdC”.Oltre al beneficio economico, chi percepisce l’RdC avrà delle agevolazioni sulla bolletta dell’elettricità e la fornitura di gas.

Ad avere dei ricavi saranno anche le aziende che assumeranno i lavoratori beneficiari del Reddito di Cittadinanza, infatti per loro è previsto un incentivo pari alla differenza tra 18 mensilità e il numero di mensilità già ricevute dal beneficiario.

Cosa fare dopo aver ottenuto l’RdC?

Chiunque abbia i requisiti necessari per accedere al Reddito di Cittadinanza dovrà attivarsi per stabilire un percorso personalizzato, che comprenda attività formative e riqualificazione professionale, in modo da partecipare attivamente ai servizi per la comunità.

L’utente dovrà sottoscrivere: un Patto per il Lavoro presso un centro per l’impiego o un agenzia del lavoro, se si è già in grado di lavorare; un Patto per la Formazione presso enti di formazione o enti interprofessionali, se si ha la necessità di essere formati; sottoscrivere un Patto per l’Inclusione sociale se non si è in condizione di lavorare, coinvolgendo i centri per l’impiego e i servizi sociali.

Quando entrerà in vigore il Reddito di Cittadinanza? Dove richiederlo?

Il Reddito di Cittadinanza è stato approvato il 18 gennaio del 2019 dal Consiglio dei Ministri, in seguito alla proposta del Presidente, Giuseppe Conte, e del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Luigi Di Maio, ed entrerà effettivamente in vigore da aprile 2019.

L’utente interessato, dal mese di aprile potrà fare richiesta di Reddito di Cittadinanza presso Poste Italiane oppure all’ufficio CAF. Successivamente sarà l’INPS a procedere con la verifica dei requisiti e ad erogare il Reddito di Cittadinanza sulla carta prepagata di Poste italiane.

Chiunque non rispetti il regolamento o fornisca dei dati mendaci per ottenere il Reddito di Cittadinanza, perderà il beneficio o addirittura rischierà la detenzione dai 2 ai 6 anni di carcere.