Salvini insiste sugli inceneritori: “ I bimbi respirano m..da”

35
ministro degli interni matteo salvini

È ancora scontro sul tema dei rifiuti in Campania, fuoco specialmente tra il M5S e la Lega

La questione dei rifiuti in Campania è, ancora una volta, la pericolosissima scintilla dell’ennesimo e duro scontro tra la Lega ed il M5S.

Il presidente della Camera Roberto Fico, nel commentare quanto detto dal viceministro Salvini per la celebrazione dei 45 anni della facoltà di Medicina e Chirurgia della Federico II, ha infatti affermato: “In questa regione non si farà neanche un inceneritore in più. Ma molti più impianti di compostaggio che trattano la frazione umida dei rifiuti solidi urbani”.

Alta tensione e repliche

Tra Lega e Movimento Cinque Stelle la tensione è, dunque, altissima; specialmente per quel che concerne la questione relativa alla Terra dei fuochi.

A tal proposito Roberto Fico ha, infatti, voluto aggiungere: “É uno schiaffo forte a questa città e a questa Regione arrivare qui e dire che ci vuole un termovalorizzatore a provincia dopo le lotte che sono state fatte e dopo l’avanzamento delle nuove tecnologie –  riferendosi, quindi, alle chiare parole di Salvini ha, inoltre affermato – Ve lo assicuro, non si farà neanche un inceneritore in più ma molti più impianti di compostaggio per la frazione umida dei rifiuti solidi urbani, più differenziata e più impianti di trattamento meccanico manuale dove si ricicla il tutto”.

L’intervento del Presidente della Camera

“In questa regione – ha evidenziato il Presidente della Camera – abbiamo bisogno di impianti di compostaggio, di trattamento meccanico manuale, di raccolta differenziata porta a porta, di riciclo, di riutilizzo e di riduzione a monte dei rifiuti.

Di questo abbiamo bisogno, fuori dalla logica dei termovalorizzatori. E se dopo tanti anni lo dobbiamo ridire, lo diciamo ancora più forte, e siamo pronti a lottare per questo”.

La replica di Salvini

Come al solito, la replica di Matteo Salvini non si è lasciata attendere a lungo. “Ho passato ieri la giornata a Napoli ed erano tutti preoccupati per salute – dice Salvini – Devi fare delle strutture; perché in Lombardia ci sono 13 impianti e in Campania uno? Il rapporto non può essere di tredici a uno (…) vallo a spiegare ai bambini che fra due mesi respirano m..da.

Un’emergenza? Non lo dico io ma quando il capo dei vigili mi dice che c’è il rischio di tornare alla situazione di 10 anni fa devo fare qualcosa”.