Napoli: occupazione di suolo pubblico e locali fuorilegge

24

Tremano i bar e i ristoranti che a Napoli hanno indebitamente occupato il suolo pubblico con tavolini e pedane abusive

Nelle ultime settimane sono state attestate oltre mille occupazioni di suolo pubblico che non rispettano la normativa prevista dalla legge. Per tutte le occupazioni di suolo, considerate attualmente temporanee nel centro storico del capoluogo campano, non sono arrivate conferme dal tavolo interistituzionale tra la Sovraintendenza e il Comune di Napoli.

Napoli: cosa ne sarà dei tavolini selvaggi?

Ad una settimana dalla scadenza della proroga prevista per i bar e i ristoranti che hanno predisposto pedane e tavolini, invadendo le strade napoletane, non sono giunte delibere che consentano a tali esercizi commerciali di  utilizzare il suolo pubblico.

In molti casi, gli esercizi commerciali nel napoletano che occupano il suolo con elementi definiti a minimo impatto, spesso non posseggono i semplici gazebi o pedane i quali rientrano nelle concessioni pluriennali, bensì ombrelloni mobili, tavolini e sedie.

In questo modo i marciapiedi, ma anche le strade, non hanno una vera e propria organizzazione legalmente valida, il che rende le vie un vero e proprio intrico di ostacoli da scansare, proprio come in una giungla. In ogni caso, attualmente le occupazioni del suolo non sono soltanto esenti da una normale regolarizzazione, ma risultano essere anche non regolari da un punto di vista della sicurezza.