Napoli e Lavoratori Socialmente Utili, ultimi aggiornamenti

39
lavoratori socialmente utili del comune di napoli il tavolo di confronto

Incontro tra Solombrino e Buonanno per un aggiornamento sulla situazione dei Lavoratori Socialmente Utili a Napoli

Presieduta da Vincenzo Solombrino, la commissione Lavoro ha potuto oggi incontrare l’assessora al Lavoro Monica Buonanno. Il fine dell’incontro è stato rappresentato dall’aggiornamento circa la situazione dei lavoratori socialmente utili impegnati nel Comune.

Come introdotto precedentemente dal presidente Solombrino, il tema  dei lavoratori socialmente utili era già stato affrontato più volte, tuttavia, oggi con una preoccupazione in più, quella relativa al rinnovo per l’anno 2019 dell’impegno dei lavoratori e per le molteplici difficoltà manifestate in particolari municipalità.

La preoccupazione di Bismuto

La preoccupazione, ha sottolineato la consigliera Bismuto, risiede nel fatto che un comportamento non uniforme da parte di tutti i dirigenti comunali possa inevitabilmente confluire in una sorta di guerra tra i precari che svolgono attività indispensabili per il Comune senza vedersi riconosciuti uguali diritti ed ugual dignità.

L’intervento di Sparano

Il direttore centrale di Sviluppo, ricerca e mercato del lavoro Sparano ha spiegato, inoltre, che è stata fatta domanda ai dirigenti che utilizzano lavoratori socialmente utili di compilare delle attestazioni relative anche ai costi che saranno allegate alla delibera di Giunta e che consentiranno l’impiego di lavoratori socialmente utili non solamente per quel che concerne la parte finanziata dall’Inps, vale a dire per le 20 ore settimanali, ma anche per quella integrata ai fondi di bilancio comunale.

Michela Buonanno assicura un tavolo di confronto

Sono, inoltre, intervenuti alla riunione i rappresentanti dei lavoratori socialmente utili. Nel corso della riunione questi hanno, infatti, potuto rendere manifesta tutta la loro preoccupazione non solo per l’immediato futuro ma anche i dubbi e l’allerta per le scarse possibilità di stabilizzazione futura.

L’assessora Michela Buonanno ha, infine, assicurato che l’amministrazione comunale tiene bene a mente i termini della vertenza dei Lavoratori Socialmente Utili e che si intensificherà sicuramente l’impegno politico a riguardo instituendo un tavolo di confronto con tutte le parti in causa: la Regione in primis, l’Inps e, specialmente, l’Associazione Nazionale dei Comuni.