Colpi di pistola anche ai Quartieri Spagnoli: paura tra i vicoli

82
quartieri spagnoli a napoli durante una sparatoria

Dopo i recenti accadimenti di Ponticelli anche i Quartieri si fanno sentire: è la volta di Vico Montecalvario

Vico Montecalvario, pieno centro storico della città di Napoli, riserva alle indagini della polizia, ed alla recente cronaca, altri quattro colpi di pistola. I bossoli, esplosi e rinvenuti la scorsa notte, sarebbero partiti durante una furiosa lite scattata, probabilmente, per faccende di natura privata.

I poliziotti sono già attivi per l’identificazione del responsabile

Sarebbe stata una persona, al momento ancora ignota alla polizia, a far esplodere nella scorsa notte ai Quartieri spagnoli di Napoli e, dunque, nel pieno centro dell’antico capoluogo campano, i quattro colpi partiti per motivi riconducibili con molta probabilità ad una lite innescata da vicende totalmente private.

Le indagini della polizia prontamente attivate appurerebbero, di primo acchito, che non si tratti dell’ennesima stesa, come recentemente accaduto a Ponticelli, ma di una lite privata per la quale si è ancora in cerca del responsabile.

Dopo Ponticelli è la volta dei Quartieri Spagnoli

Un’altra sparatoria, scaturita in questo caso da una stesa, si era verificata proprio due giorni fa, alla periferia est della città Napoli, per la precisione, nel quartiere di Ponticelli. Anche in questo caso  quattro colpi di arma da fuoco furono esplosi tra le strade del quartiere partendo dalle mani di due persone armate che, a bordo di uno scooter, avevano fatto scattare una sorta inseguimento da Far West fatto di fughe e colpi di pistola con la pattuglia di servizio.

Il fuoco, che era stato aperto in Viale dei Mosaici, non solo ha spaventato i residenti ma ha anche colpito una volante che si trovava proprio sulle tracce di un motorino rubato. Fortunatamente non sono risultati né vittime né feriti, ad eccezione di un poliziotto che cadendo durante l’inseguimento ha riportato alcune escoriazioni.

Il pericolo ed il dolore dei quartieri di Napoli

La fuga, tra l’altro, era proseguita a piedi; i svariati colpi esplosi avevano infatti permesso ai malviventi di abbandonare il proprio mezzo e di procedere autonomamente. Gli investigatori, che hanno subito ipotizzato che possa essersi trattato di una stesa riconducibile ad  analoghi episodi di violenza scaturiti dai tenaci contrasti tra due clan camorristici Rinaldi e Mazzarella per la supremazia sul territorio, stanno già cercando di identificare i colpevoli attraverso l’accurata analisi delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti sul quartiere.

Da una prima e veloce ricostruzione si è potuto subito evincere che il mezzo di trasporto utilizzato per la fuga era semplicemente un motorino rubato ad un incensurato.

Ed è così che in una notte qualsiasi ai Quartieri spagnoli, proprio come nel quartiere di Ponticelli, i residenti si sono trovati nel mezzo di una triste scena degna dei migliori film d’azione.

Il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli non ha atteso molto nell’esprimere la propria opinione circa gli episodi di violenza ed il Far west accaduto nel quartiere di Ponticelli: “I cittadini devono denunciare le stese (…) molte non vengono denunciate alle forze dell’ordine e questo non fa altro che alimentare la sensazione che, in certe zone della città, non ci sia possibilità di riscattarsi dal controllo della camorra” ed aggiunge “ la partecipazione dei cittadini deve aiutare le forze dell’ordine ed i magistrati ad avere sempre un quadro completo della geografia criminale e delle azioni messe in campo per esercitare il controllo sul territorio, in attesa di interventi significativi da parte del ministro Salvini che sembra non abbia ancora capito la necessità”.