Bonifica di Bagnoli, il ministro Lezzi: “Voglio rendermi conto della situazione”

83
bagnoli e la bonifica della regione campania e del comune di napoli

Sulla questione della bonifica di Bagnoli è intervenuto il ministro per il Sud Barbara Lezzi.

L’esponente del Governo ha detto che ha intenzione di prendere sul serio la situazione. Si è dimostrata molto interessata e non vuole trascurare nessun dettaglio, per evitare possibili conseguenze dal punto di vista ambientale.

ministro del sud barbara lezzi del movimento 5 stelle

Il ministro ha deciso di andare direttamente a Napoli, perché ha voluto rendersi conto di persona di ciò che sta accadendo. Dichiarazioni ufficiali e forti, queste del ministro, che non vuole affatto demordere su una questione che sta creando parecchi pareri discordanti.

Bonifica Bagnoli, il ministro per il Sud a favore di una sintesi strategica

L’obiettivo del ministro Barbara Lezzi, compiuto anche attraverso la visita dell’area di Bagnoli e della zona in particolare che è stata messa sotto sequestro, è quello di arrivare ad un accordo risolutivo nel più breve tempo possibile. Per questo, intervistata dal Corriere del Mezzogiorno, ha detto preventivamente di voler incontrare il sindaco e il presidente della Regione Campania.

vincenzo de luca ed il sindaco di napoli de magistris durante una conferenza

L’intenzione dell’esponente governativo è quella di incontrare il commissario Salvo Nastasi e, in separata sede, anche i rappresentanti delle istituzioni comunali e regionali. In questo modo Barbara Lezzi spera di arrivare alla condivisione di un percorso comune per fare sul serio e per poter procedere alla realizzazione di un’opera che si aspetta ormai da circa 25 anni.

Bonifica in tempi brevi, ma in sicurezza

Il ministro Lezzi ha spiegato che si dovrebbe imprimere una forte accelerazione nella bonifica di tutta l’area dismessa. Ha reso conto del fatto che per il Governo la realizzazione di quest’opera rappresenta una priorità. Sarebbe già stato messo a punto il preventivo per effettuare i lavori, in modo che i napoletani possano riavere la spiaggia libera.

Ma c’è di più, perché non si tratterebbe soltanto di un’opera di bonifica, visto che l’area di Bagnoli rivivrebbe di nuova vitalità. Per Bagnoli è previsto un piano di urbanizzazione e inoltre è stata progettata la costruzione di un parco. Tutto ciò dovrebbe essere realizzato in tempi brevi, anche se il ministro ha sottolineato che questo non significa trascurare la sicurezza.

Ha voluto rassicurare sui dubbi che alcuni possono manifestare, affermando che ci sarà parecchia attenzione su tutti i controlli da effettuare. I fondi sarebbero già pronti, perché il Governo vorrebbe usare i fondi di bilancio. Tuttavia il ministro non vuole intervenire, se prima non si sia chiarito col sindaco De Magistris e con il presidente della Regione De Luca che cosa si voglia realmente realizzare per dare un impulso a quest’area dismessa.